Una roccaforte sul monte, a Pietramarina

Dall'Appennino al mare, con un solo sguardo

Anche la vetta più alta del Montalbano carmignanese, oggi caratterizzata dalla presenza di agrifogli e lecci secolari di grande interesse naturalistico, fu occupata dagli Etruschi a partire dal VII secolo a.C. Il rilievo di Pietramarina è infatti circondato da una cinta muraria, chiaramente leggibile sul terreno e da alcuni anni frutto di scavi. Nella parte più elevata del sito gli scavi archeologici hanno evidenziato diverse strutture murarie: tra queste un edificio di dimensioni ingenti, con murature poderose. C’è chi dice che si trattasse di un luogo di culto o forse, con maggiore probabilità, di un punto di osservazione militare. (wf)

Per saperne di più puoi navigare nel sito del parco archeologico con una visita virtuale

Altre notizie sulla lecceta di Pietramarina sul sito dei comuni del Montalbano, www.montalbano.toscana.it, ma anche in un’altra sezione di questo sito